Marketing automation per e-commerce

Marketing automation per e-commerce

Marketing automation per e-commerce: quali sono le automazioni e-commerce fondamentali?

Noi di Staff Millennium siamo specializzati in email marketing e in questo tipo di automazioni, da anni creiamo con successo workflow email, che accompagnano e rafforzano le strategie di web marketing che costruiamo per i nostri clienti.

Con il marketing automation puoi davvero far fare la differenza al tuo e-commerce.

Negli anni ci siamo resi conto che sono tre i workflow email assolutamente che si devono creare:

  1. Workflow email per i nuovi clienti
  2. Workflow email per i vecchi clienti e per quelli inattivi
  3. Workflow carrelli abbandonati
  4. Bot Messenger
  5. Newsletter

Per creare queste automazioni usiamo dei software di marketing automation.

Scopriamo questi workflow singolarmente.

Workflow email per i nuovi clienti: marketing automation per e-commerce

Questo tipo di workflow serve a fidelizzare i nuovi clienti che hanno effettuato il loro primo acquisto nel tuo e-commerce e magari portarli a fare cross selling (ovvero se acquistano un prodotto correlato a quello che hanno già acquistato).

È importantissimo sviluppare questo tipo di email per nutrire il cliente e non perderlo. Se non lo creassimo probabilmente il tuo cliente resterebbe un utente one shot (ovvero acquista una volta e non lo farà mai più).

Essendo che probabilmente è arrivato sul tuo e-commerce tramite una campagna sui social media Facebook o Google Ads rischi di spendere budget senza ottenere quasi nulla. Invece se raccogli i dati dell’utente che ha già acquistato e li metti in un CRM per le email, potrai restare in contatto per sempre (fino a che non si disiscrive, ma siamo bravi non lo farà) con il tuo utente.

Attraverso le email lo accompagneremo elegantemente verso il suo prossimo acquisto.

Per questo workflow creeremo 5 tipologie di email:

  1. Tutto parte con l’email di conferma dell’ordine: in questa email lo ringraziamo per l’ordine che ha effettuato e lo tranquillizziamo che non appena il pacco sarà messo in spedizione gli sarà fornito il tracking
  2. Email di benvenuto: questa seconda email serve a fare una «presentazione» del brand o del vostro e-commerce. In questa email raccontiamo qualcosa che possa far iniziare ad affezionare a te il tuo cliente. Come? Raccontiamo la tua storia, la rendiamo emozionante, perché il nostro scopo è far emozionare e affezionare al tuo brand il tuo cliente. Questo lo possiamo ottenere conoscendo il tuo utente e quindi toccando i tasti giusti. Gli raccontiamo la tua mission, il perché della scelta dei prodotti che vendi, il perché hai deciso di intraprendere questo percorso, il tuo sogno nel cassetto, come hai creato quei prodotti o perché li hai scelti.
  3. Nurturing email: In questa email raccontiamo i punti di forza dei tuoi prodotti, per esempio aggiungiamo alla mail dei link ad alcuni articoli al tuo blog.

 

 Così otterrai 2 cose:

  • Se hai un e-commerce con prodotti non tuoi comunque ti posizionerai nella mente del tuo utente come «esperto», quindi se un utente tornerà a visitare il tuo e-commerce penserà che se hai scelto quel prodotto vuol dire che ne vale la pena.
  • Se hai creato tu il prodotto che vendi dimostrerai di sapere quello che fai e questo aumenterà a dismisura la fiducia che il tuo cliente avrà in te e nei tuoi prodotti.

 

  1. Referral email: in questa email proponiamo al tuo utente la possibilità di portare degli amici per avere dei “VANTAGGI ESCLUSIVI”. Grazie a questa email acquisiremo nuovi clienti gratuitamente.
  2. Varie email push: questa email è «push» ovvero spinge palesemente alla vendita. Ad esempio: Creiamo un codice sconto «ad hoc per gli utenti nuovi» e lo inseriamo nell’email mettendo bene in vista il pulsante «utilizza subito il tuo sconto», insieme ad altre tecniche portiamo l’utente che apre la mail a compiere il suo secondo acquisto (ovviamente se già non l’ha già fatto in altre email.

Oppure gli mostriamo i prodotti più venduti o altre azioni volte a farlo riacquistare.

Questo è il primo workflow che possiamo creare per te e per il tuo e-commerce per spingere i nuovi cliente appena acquisiti a fare un secondo acquisto o entro qualche giorno dopo il primo o qualche settimana dopo.

Workflow email clienti vecchi clienti o clienti inattivi: marketing automation per ecommerce

Questo workflow come si evince dal titolo serve a riattivare i vecchi utenti che abbiamo nel database ma che non acquistano dal nostro e-commerce da un po’ di tempo.

Anche in questo caso creiamo delle email ad hoc per riattivare l’utente e portarlo ad acquistare.

Lo incuriosiamo per prima cosa, poi gli ricordiamo perché ci ha scelto, gli chiediamo com’è andata con il suo primo acquisto, creiamo delle promozioni ad hoc per questi utenti, o dei VANTAGGI ESCLUSIVI.

Ricordati che acquisire un nuovo utente costa 7 VOLTE DI PIÙ di riconvertirne uno vecchio.

Questo perché, semplicemente perché il vecchio cliente è già acquisito e in parte fidelizzato (visto che ha già acquistato da te, vuol dire che si fida e ha iniziato il suo percorso di fidelizzazione).

Workflow carrelli abbandonati: mail marketing

Molto spesso i proprietari o gestori di e-commerce sottovalutano la potenza di questo importantissimo strumento. Infatti se questo workflow viene strutturato correttamente, porta ad una conversione dell’80%.

Questo workflow è dedicato a tutti gli utenti che sono entrati nell’e-commerce, hanno messo un oggetto nel carrello, ma non hanno completato l’ordine.

La serie di email che creeremo lo porteranno a completare l’azione.

BOT Messenger sul sito con FAQ principali

Un altro tipo di marketing automation per e-commerce molto importante per il tuo e-commerce è il BOT messenger sul tuo sito e-commerce. Questo risponderà per te in maniera automatica alle domande più frequenti.

Questo cosa significa:

  • ottimizza i tempi di risposta all’utente (customer care massimizzata)
  • aumenta la fiducia dell’utente che quasi certamente ha una risposta immediata alla sua domanda
  • ti permette di intervenire efficacemente se un utente riscontra un problema nel sito (che non è compreso nelle faq) in quanto ogni messaggio che riceverai avrai una notifica.
  • Lead generation

Ricorda che il 90% del bounce rate (la % di persone che escono dal sito senza completare l’azione) avviene perché ha trovato un problema sul sito e non può parlare con nessuno per risolverlo.

Ecco ora avrai percepito meglio perché sono così fondamentali le marketing automation per e-commerce.

Inizia il tuo
progetto con noi!

Unisciti alla community

Sei un imprenditore? Abbiamo creato una community dedicata a tutti gli imprenditori che vogliono approfondire le strategie digitali, conoscere nuovi strumenti: DigitalBiz! 

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Vuoi costruire il tuo progetto digitale?

Richiedi una consulenza gratuita!